Eventi, notizie, immagini e curiosità dal Comune di Capannori
By studio videoevideo
Memorizza il sito come: pagina iniziale - aggiungi ai preferiti
> Articoli > Il museo “Gianni Caproni” a Capannori
Il museo “Gianni Caproni” a Capannori

Il museo “Gianni Caproni” a CapannoriCapannori, territorio ricco di bellezze naturalistiche, di lussuose ville, pievi e camelie e di testimonianze storiche rilevanti ha recentemente avuto l’onore di ospitare una collezione rarissima: quella sul materiale aerostatico Caproni di Taliedo, una delle più importanti raccolte mondiali sul tema, superiore, nella parte libri e stampe, anche a quella dell'aeroporto Le Bourget di Parigi.
In esposizione la grande storia del volo in pallone, dai pionieri fino a Piccard e Jones: ben due secoli di straordinarie avventure.
La raccolta che è normalmente esposta, solo in minima parte, al Museo dell'Aeronautica Gianni Caproni di “Trento- Mattarello” e che deve, alla disponibilità della Contessa Maria Fede Caproni, l'opportunità di ammirare e consultare oggetti e documenti che, di norma, non sono visibili al pubblico, fa appunto parte delle collezioni private della famiglia Caproni di Taliedo.
Un'occasione dunque rarissima, che ha permesso ai tanti visitatori di ripercorrere l'affascinante storia degli albori dell'aviazione italiana, dell’aerostatica mondiale e della storia della scienza degli ultimi duecento anni attraverso la visione di libri, stampe e oggetti d'epoca.
La mostra sull’aerostatica è stata allestita negli eleganti saloni dei Villa Mazzarosa di Segromigno in Monte e presso l’ Easy Shop Outlet di Carraia.
La singolare mostra aerostatica, in trasferta capannore, è già stata allestita in sedi prestigiose, quali il Palazzo Reale di Napoli (in occasione del 75° anniversario dell'Aeronautica -maggio 1998); nella Palazzina Reale della stazione di Firenze (18-26 aprile 1999); al Castello di Pralormo (25 settembre - 3 ottobre 1999); al Dugentesco di Vercelli (febbraio 2000); al Museo Civico di Siena in Piazza del Campo (31 marzo- 2 aprile 2000), nel Museo Archeologico di Paestum (luglio-settembre 2000; nel Palagio di Parte Guelfa a Firenze (20-27 maggio 2000); nel Palazzo Trivulzio a Melzo (aprile 2002); nel Palazzo Fogazzaro a Schio (aprile – maggio 2005) e in altri luoghi prestigiosi.
Fra gli oggetti da ammirare, comprendenti il seguente materiale, globalmente rarissimo, datato tra il 1783 e la fine dell'Ottocento, ben cento stampe, editti, manifesti e documenti, oltre cinquanta libri sul tema, una trentina di piatti e suppellettili varie di porcellana settecentesca, tabacchiere e altri portaoggetti con scene di aerostatica finemente incise o smaltate, diversi orologi da tavolo a forma di aerostato, alcuni ventagli con stecche di avorio od osso, con miniature sul tema. e alcuni quadri già appartenuti ai Principi Doria. Interessantissimo anche il materiale filatelico vario e le lettere trasportate dai dirigibili Zeppelin.
Nel settore moderno, con la “memorabilia” dei grandi aeronauti contemporanei, hanno fatto bella mostra di se, lettere e altri oggetti trasportati a bordo del Breitling Orbiter di Bertrand Piccard, il pallone che nel 1999 compì per la prima volta il giro del mondo. Curatore della Mostra il Dott. Marco Mayrani.

articolo: Massimo Raffanti - foto: studio videoevideo.

 

Google

Cerca su capannorieventi.eu

Con: Google:  Yahoo:  MSN:
Rassegna Stampa Italiana ed Estera
Galleria Fotografica Eventi prima del 2009
Per la Vostra pubblicità su capannorieventi.eu telefonare al numero: 0583 429598, oppure riempire il seguente modulo.

Messaggio:
Inserisci qui la tua e-mail o telefono:
>